venerdì 12 settembre 2014

certi giorni ...



Rossana Taormina, Blu #1 2014, tecnica mista su vecchia foto, cm 14 x 9


Sono fatta di poesie.

Quando i giorni sbattono
come panni al vento
sgorgano poesie dalle mie orbite,
poesie dalle mie scapole,
versi dalle viscere, dai pori, dal mio sangue.

Delle poesie ne faccio pillole
da mandare giù con un sorso d’acqua
quando troppo indigesta
diventa la vita.

Jo Marra

sabato 6 settembre 2014

Arte al Metro
Prorogata fino al 21 settembre 2014

Arte al Metro 
GENERAZIONE ANTICONSEQUENZIALE 

Quam 8 agosto – 7 settembre 2014
PROROGATA FINO AL 21 SETTEMBRE
a cura di Antonio Sarnari

Autori
ILDE BARONE 
MARIO CANTARELLA 
ELDA CARBONARO 
EZIO CICCIARELLA 
GUGLIELMO EMMOLO 
ALESSANDRO GRIMALDI 
ETTORE PINELLI 
FEDERICO SEVERINO 
STM Tamara Marino e Simon Troger 
ROSSANA TAORMINA 
VALERIO VALINO 
GIOVANNI VIOLA 

LA MOSTRA AL CONTRARIO, ECCO L’ARTE ANTICONSEQUENZIALE 
SOLO ORA, DOPO UN MESE DI AGGRESSIONI DELL’ACQUIRENTE,
LE OPERE DI “ARTE AL METRO” SONO COMPLETE. 
PROROGATA LA CHIUSURA AL 21 SETTEMBRE


SCICLI (RG) – Alle Quam di Scicli la mostra “Arte al Metro” si presenta nella sua reale
essenza, proponendo, come da progetto degli artisti, le opere aggredite dall’ acquirente,
quelle smembrate da un acquisto consumistico del prodotto arte. 
Solo ora è completo il progetto e la mostra “Arte al Metro”, con i pezzi di opere sottratte
all’ arte per desiderio di possesso (come per le opere di Pinelli e Taormina), con azioni
aggressive che hanno scoperto strati sottostanti (come per le opere di Ilde Barone),
o che hanno svelato, come in un romanzo noir, finali differenti della stessa opere
(come per l’opera di Federico Severino). 

Insomma, oggi, vicini alla chiusura della mostra, sembra essere il momento migliore
per visitare la mostra, e soprattutto vedere come le opere abbiamo reagito all’ 
interazione con il collezionista 2.0, colui che vuole cambiare il finale, essere parte
integrantedel processo, colui che vuole determinare una svolta nelle cose e 
nel tempo che vive, in sostanza chiunque voglia lasciare un segno della propria 
esistenza su questa Terra. 

“La mostra è stata un successo - spiega Antonio Sarnari, curatore della mostra - e la 
partecipazione del pubblico, sia di settore che non, ci ha gratificato di centinaia di 
piccoli dibattiti, sulla ricerca nell’ arte, sull’ influenza del mercato di consumo sull’ arte.
Oggi questi artisti sono in grado di disegnare un confine più ampio nell’arte, entro cui 
l’acquirente di consumo diventa un vero collezionista, e soprattutto l’artista arricchisce
la gamma dei propri strumenti di espressione, fino ad integrare lo stesso acquirente nel
processo di creazione dell’arte. 
Un esperimento riuscito, grazie al quale oggi, questi artisti e questi emergenti 
collezionisti, sono più forti di fronte al peso delle dinamiche del mercato 
sull’ espressione poetica”. 

E anche per consentire una fruizione maggiore della “vera” mostra “Arte al Metro”, 
si è deciso di spostare la chiusura, inizialmente programmata per domani, 
ma adesso prorogata al 21 settembre.

 “Arte al metro – generazione anticonsequenziale” è una mostra a cura di Antonio Sarnari, 
visitabile pressole Quam (Quadrerie del Monastero) di Scicli 
ingresso gratuito con i seguenti orari 10.00 – 13.00 / 17.00 – 21.00, info 0932 931154.



Le opere in allegato sono di Valerio Valino e STM Tamara Marino - Simon Troger

Arte al Metro – generazione anticonsequenziale 
Quam 8 agosto – 7 settembre 2014 (chiusura prorogata fino al 21 settembre)
Scicli (RG), via Francesco Mormina Penna 79
Orari 10.00-13.00 / 17.00-21.00 

Info 0932 931154

Mostra a cura di Antonio Sarnari
Organizzazione Tecnica Mista
Ufficio stampa MediaLive

https://gallery.mailchimp.com/e8c8e3faa270d09b2ceb2e4d3/images/a2e701de-9bfb-4c23-9cc0-72a21c649118.jpg
https://gallery.mailchimp.com/e8c8e3faa270d09b2ceb2e4d3/images/f9cc3c7b-528a-468f-9d72-9b9e3eb8d684.jpg
https://gallery.mailchimp.com/e8c8e3faa270d09b2ceb2e4d3/images/9963f6c4-4d67-400e-8914-692d9919dd5d.jpg

Quam arte
Scicli via Mormino Penna 79 
phone +39 0932 931154 

lunedì 1 settembre 2014


lora bogdevich - from “moja glowa ne boli” series

L'estate brucia e la vita esplode, irriverente ...

Amara l'estate, quando la luce si riversa impetuosa ovunque mentre il viso tanto amato si scolora.
Tra le care pieghe del sorriso non si sofferma il sole.

Crudele è l'estate, rumorosa germina nei nostri silenzi carichi di parole non dette, speranze avvizzite dal sole cocente. Il chiacchiericcio nervoso delle cicale, la canicola striata dai colpi di tosse; le ombre della sera si fanno vicine.

Lo sguardo fisso verso un punto indefinito tra gli alberi, osserviamo la vita scorrere nella strada oltre la campagna. Poi riallacciamo discorsi iniziati chissà quando, ci rifugiamo nel nostro lessico fatto di affetto e dedizione e improvvisamente sembra quasi possibile che il nostro tempo duri per sempre.

Ricordiamo allegramente le vacanze insieme, ridiamo e facciamo progetti per la sera, per l'inverno, per la prossima estate, mentre il fumo della sigaretta vola via lontano.


giovedì 21 agosto 2014








Arte al Metro – generazione anticonsequenziale 
Quam 8 agosto – 7 settembre 2014 

Quam arte
Scicli via Mormino Penna 79 

domenica 10 agosto 2014

Arte al Metro ... quel che resta







Quel che resta, 2014
grafite e acrilico su tela, filo di cotone, acquerello e penna Bic su vecchia carta nautica.
cm 100 x 165


Su una vecchia carta nautica acquerello e penna Bic descrivono voli d'uccelli.
La carta appare suddivisa in moduli rettangolari di diversa misura, per sottrarne uno si reciderà il filo di cotone che assicura i rettangoli alla tela affissa a parete.

Quel filo diventa misura, rappresentazione di una distanza, di un tragitto.

L'opera si propone nel divenire, in un equilibrio dinamico tra le parti che la compongono.
Una volta diminuita di un suo elemento la composizione recupera un'identità estetica diversa, le parti residue concorrono alla creazione di uno spazio altro.
Ogni frammento, una volta sottratto all'intera opera, si rende organismo autonomo, ormai libero dalla relazione con lo spazio raffigurato nei moduli circostanti può acquisire una fisionomia individuale.

Una ricerca rivolta alla fluidità del concetto di spazio, allo stesso tempo misurabile e sfuggente, esterno ed interno, fisico e metafisico.

E alla fine quel che resta è un'imprevedibile traccia.

giovedì 31 luglio 2014

Arte al Metro  
GENERAZIONE ANTICONSEQUENZIALE 


Quam 8 agosto – 7 settembre 2014
a cura di Antonio Sarnari


Autori

ILDE BARONE 
MARIO CANTARELLA 
ELDA CARBONARO 
EZIO CICCIARELLA 
GUGLIELMO EMMOLO 
ALESSANDRO GRIMALDI 
ETTORE PINELLI 
FEDERICO SEVERINO 
STM Tamara Marino e Simon Troger 
ROSSANA TAORMINA 
VALERIO VALINO 
GIOVANNI VIOLA 

Arte al Metro, a Scicli il collezionista diventa 2.0
SI COMPRA ANCHE SOLO UNA PARTE DELL’OPERA.
IL COSTO? AL METRO


L’arte diventa “social”. Condivisione di opere da comprare al metro, al chilo,
addirittura a centimetro. Accadrà alle Quam di Scicli (Rg) per la mostra
che si inaugura il prossimo 8 agosto

“Arte al metro – generazione anticonsequenziale”

Dodici artisti hanno raccolto la sfida lanciata da Antonio Sarnari,
curatore della mostra.
Hanno prodotto opere vendibili a pezzi, tagliando tele
o sottraendo parti dell’opera,offrendo la possibilità
di acquistare anche solo un tassello e
perfino qualche grammo di scultura.

Una riflessione sull’era del consumismo, anche nell’arte.
E la risposta è l’arte stessa, con la sua ricerca
la capacità di relazione,con la decontestualizzazione.






Arte al Metro – generazione anticonsequenziale 
Quam 8 agosto – 7 settembre 2014
Scicli, via Francesco Mormina Penna 79

orari 10.00-13.00 / 17.00-21.00
orario estivo dal 10 al 31 agosto 19.00-24.00







Per informazioni:



      Quam arte
      Scicli via Mormino Penna 79
      phone +39 0932 931154
      www.quamarte.com

sabato 12 luglio 2014

non sono brava con i biglietti di auguri ...


I ricordi veramente belli continuano a vivere e a splendere per sempre, pulsando dolorosamente insieme al tempo che passa.
Banana Yoshimoto, Kitchen, 1988

Alice Wellinger

Izis Bidermanas



So che i biglietti di auguri che io immagino per te ti raggiungono, ovunque tu sia.

Per l'occasione ho fantasticato un pranzo tutti assieme, quelli rimasti qui e quelli lì con te ... non ho dimenticato nessun invitato. 
Ci ritroviamo nella tua casa, quella vera, quella che nei miei occhi è ancora piena di sole e gelsomini e odore di caffè. Stai soffiando sulle candeline e ridi forte e l'eco rimbalza felice sui muri, tu hai quaranta anni e subito dopo sessanta, io ho quattro e quaranta anni e ti abbraccio stretta e poi litighiamo un po', per non perdere l'abitudine.

In ogni biglietto la stessa frase, senza originalità, ti voglio bene, ti penso ogni giorno, ma sicuramente tu lo sai già ...